NICOLA BERTOGLIO

iphoneografo

mostra collettiva “LINGUAGGI E STILI D’ARTE” nelle sale del castello di monticelli d’ongina dal 17 settembre al 1 ottobre 2017.

domenica 17 settembre 2017

Alcune delle opere della serie “Capendo Adamo” esposte nel Castello.


LINGUAGGI E STILI D’ARTE 

AL CASTELLO DI MONTICELLI D’ONGINA 

DAL 17 SETTEMBRE AL 1° OTTOBRE


INAUGURAZIONE: DOMENICA 17 SETTEMBRE ORE 15,30


MONTICELLI. Riprendono, dopo la consueta pausa estiva, le attività del Gruppo Culturale Mostre Onlus presieduto dall’infaticabile Albino Casarola. Il nuovo progetto espositivo, curato da Simone Fappanni si apre domenica 17 settembre alle ore 15,30 con la rassegna “Linguaggi e stili d’arte” che sarà visitabile nei weekend presso Castello Pallavicino – Casali fino al 1° ottobre. In mostra i lavori di Nicola Bertoglio, Domenico Barbati, Franco Soresina, Elena Borboni, Serenella Bellini, Ernesto Roversi, Claudio Pezzini, Liana Morgese, Franca De Ponti, Tino Bracchi, Ermanno Peviani, Cornelia Calzavacca Franzini e Lodovico Girardelli. «L’idea di fondo di questo appuntamento – spiega lo Fappanni – nasce dalla volontà di offrire ai visitatori l’opportunità di apprezzare l’estro e la creatività di artisti contemporanei a cui viene riservata mezza sala della rocca. Dunque, ogni artista ha uno spazio davvero ampio in cui presentare i propri lavori». Diverse le sezioni in cui è suddiviso l’allestimento. «La prima sezione, “Scatti sperimentali”, è riservata alla fotografia sperimentale, con le opere di Nicola Bertoglio che nascono da scatti realizzati con Instagram e poi trasposti su lastra attraverso una complessa tecnica d’impressione. A seguire, all’interno della seconda sezione, “Realismi simbolici”, s’incontrano autori che, pur partendo dall’oggettualità del reale, ne colgono aspetti fortemente evocativi. Si tratta della bresciana Elena Borboni, che si sofferma sul senso delle cose e della vita, Claudio Pezzini, che espone lavori in cui spiccano scorci metropolitani animati da un’umanità pulsante, Serenella Bellini, che offre una riflessione sui particolari minimi della realtà, Ernesto Roversi, autore di figure dalla forte connotazione introspettiva, Franco Soresina, autore di figure e scenari contrassegnati da un sottile lirismo, Tino Bracchi, pittore che pratica con successo una tridimensionalità connotata da sfumature metaforiche. A seguire, nella sezione “Astrattismi e altre alchimie”, si possono apprezzare i lavori astratto-informali di Liana Morgese, acquerellista alla ricerca delle infinite trasposizioni della luce sulla carta, Franca De Ponti, con opere materiche di marcata sensualità, Ermanno Peviani, artefice di un percorso creativo che si svolge lungo il filo sottile della natura dipinta e idealizzata e Domenico Barbati, attento cultore di perfetti accordi cromatici capaci di creare brillanti atmosfere tattili. A seguire seguono un’installazione di Cornelia Calzavacca Franzini e l’antologica dedicata a Lodovico Girardelli, maestro dell’acquerello scomparso qualche anno fa». Dopo la presentazione si terrà una performance di Nicola Bertoglio.

II castello di Monticelli d'Ongina o Rocca Pallavicino è un complesso fortificato che si trova nell'omonimo comune, in provincia di Piacenza. Posto in pianura nella campagna prossima al Po, più vicino alla città di Cremona che a quella di Piacenza.La prima menzione del castello risale al 1298 quando il comune di Cremona fortificò il borgo. La costruzione della rocca, come la possiamo vedere oggi, si deve a Rolando Pallavicino, che aveva ottenuto la signoria di Monticelli all'inizio del XV secolo. La costruzione venne completata dal figlio Carlo, vescovo di Lodi, che la fece decorare con affreschi da Bonifacio Bembo. [Wikipedia]


Orari di apertura della mostra:


17 settembre: ore 15.30

24 settembre: ore 15.00/18.00

30 settembre: ore 21.00/23.00

1 ottobre: ore 09.30/12.00 - 14.30/19.00


-----------------------------------


Di seguito le immagini scattate e postate su Instagram durante la performance della serie @RTWORK da parte di Nicola Bertoglio e delle persone presenti durante la medesima, raccolte grazie all’hashtag #rtwork0917 comunicato appena prima iniziasse. 


https://www.instagram.com/explore/tags/rtwork1709/